FINALE TROFEO SEVENTYONE CUP – 16 ottobre 2016

Finalmente ci siamo.

L’attesissima finale del Trofeo FMI SeventyOne Cup 2016 è alle porte, dopo anni di digiuno i motori sono tornati a ruggire in Sardegna.
Una prima Tappa ricca di emozioni ha regalato 2 gare molto combattute, per la classe  1000 il pilota di Castelsardo Pinuccio Cirotto ha imposto il suo ritmo riuscendo a distanziare gli inseguitori, tra i quali annoveriamo l’esperta Wild Card Emiliana Marco Dall’aglio, e Giovanniandrea Russu il pilota veterano di Arzachena, incappato in una scivolata nelle prime fasi di gara alle prese con una moto nuova; a completare il podio della 1000 Riccardo Cabras, che ha cercato di riscattare una stagione sfortunata nelle corse italiane con ben 2 rotture di motore alla sua Kawasaki. La classe 600 ha visto una vittoria di misura del pilota di Ussana, Gianluigi Castello, ex R-series cup, su Suzuki sui giovani inseguitori, tra i quali si sono distinti i 2 Sassaresi, Gavino Porcu con un secondo posto ottenuto con margine su Alessio Panu, entrambi su Yamaha R6, il giovane Panu, già wild card e vincente al Trofeo amatori non era in grande spolvero e ha grande voglia di riscatto.
La seconda Tappa è stata più convulsa a causa della pioggia improvvisa che ha portato con sè qualche complicazione di natura tecnica alla direzione di gara. Per la classe 1000 il capo classifica Pinuccio Cirotto a causa di una scelta sbagliata di pneumatici non è riuscito a ripetere la brillante prestazione del primo round, cedendo il passo ad un ritrovato Russu, sempre più in sintonia con la sua Yamaha R1; il quale, scatenato, ha imposto da subito un ritmo insostenibile per gli avversari vincendo con ampio margine. A seguire c’è stata una bella battaglia per il secondo tra i due piloti BMW Cirotto e il pilota di Elmas Juri Cocco, vedendo prevalere il pilota di Elmas su un Cirotto sempre più in crisi di gomme; ma che, comunque, riuscendo ad ottenere il terzo posto sull’esordiente Nicolò Mameli (su Honda) mantiene la testa della classifica generale, ma con un Russu sempre più pericoloso e combattivo per la vittoria finale. Bella prova anche per Cabras che, finalmente senza noie tecniche, ha combattuto strenuamente con il giovane Mameli di Ussana, dovendosi però arrendere al termine di una lotta serrata.
Per la classe 600, le fasi di gara sono state ancora più convulse e complicate, in fase di partenza con Porcu che, a causa di un problema al cambio elettronico, nel giro di allineamento è stato costretto a rientrare ai box e partire dalla Pit lane, riuscendo con un buon ritmo ad imporsi sugli altri piloti, mentre Castello il capo classifica in crisi di gomma, a causa dello stallonamento della ruota posteriore, ed un incomprensione con i box, è giunto secondo, venendo raggiunto da Gavino Porcu e dalla sua Yamaha R6 in testa alla classifica; ottima prestazione per la Wild Card, ex pilota del CIV, Roberto Ferrara che con la sua Honda ha agguantato un difficile terzo posto, andando così a completare il podio della 600.
Entrambe le classifiche sono apertissime e in bilico fino alla fine, solo l’ultimo round del 16 ottobre ci consegnerà i 2 vincitori del Trofeo SeventyOne Cup che alla sua prima edizione è stato già ricchissimo di colpi di scena ed emozioni.

Vi aspettiamo in pista il 16 ottobre per l’ultimo Round.

A cura del Moto Club SeventyOne